Parrocchia Natale del Signore

-Pagina iniziale
-Orari
-Sacerdoti
-Gruppi
-Visita della Chiesa
-Foglio informativo
-Il pensiero del mese
-Siti utili
-La nostra storia
-Album fotografico
-Chiesa qui oggi
-I nostri figli adottivi: Kibao e vo' Jurema

 

Conferenza S. Vincenzo

Si possono effettuare offerte alla San Vincenzo a mezzo Bonifico bancario intestato a

ASS. SOCIETA' CONF. SAN VINCENZO DE PAOLI ONLUS
PARROCCHIA NATALE DEL SIGNORE

IBAN IT 19Y 052160 109800 00000 82288

Importante!!!!! La copia del bonifico è valida per la detrazione ai fini IRPEF

La San Vincenzo è una Società fondata nel secolo scorso (23 aprile 1833) a Parigi dal beato Federico Ozanam; è formata da laici uomini e donne, il suo impegno è di ordine caritativo. Il vincenziano vuole realizzare un equilibrio tra la vita spirituale e l'impegno a servizio dei poveri.

La nostra Comunità ha, in passato, aderito alla Società di San Vincenzo De Paoli affidando ai volontari i problemi dei numerosi poveri della Parrocchia; attualmente siamo in 24 tra confratelli e consorelle e seguiamo 40 famiglie residenti sul territorio parrocchiale.
La Conferenza di San Vincenzo si riunisce ogni 15 giorni al martedì alle ore 16; si inizia con la recita dei vespri in Cappellina con la guida di don Romolo, poi si prosegue con l'esame dei casi delle famiglie seguite, si formulano delle proposte e si definiscono, con l'accordo di tutti, gli interventi necessari. Nel corso della riunione si attua la colletta, cioè la raccolta segreta delle offerte da parte di tutti i soci presenti, segno di condivisione, almeno in parte, anche se piccolo, dei propri beni con i poveri.

Settimanalmente, al giovedì, alle famiglie viene consegnato un pacco viveri o viene portato direttamente a casa se vi sono problemi di salute o altri impedimenti. Ed è proprio con la visita domiciliare che riusciamo in alcuni casi a cogliere altre necessità oltre a quelle di natura economica. A volte la situazione è così seria che non basta fornire un po' di cibo, ma si provvede a pagare le bollette di affitto o del riscaldamento e non di rado anche i medicinali.

C'è poi il grosso problema del lavoro: sono in particolare gli extracomunitari che vengono da noi con tanta speranza. Cercano tutti una sistemazione che consenta loro di inserirsi pienamente nel tessuto urbano per poter vivere con decoro e tranquillità. Per questo, nei limiti del possibile, ci si attiva con i Servizi Sociali di zona, ( con i quali c'è buona collaborazione) si forniscono indirizzi e recapiti telefonici, si compilano domande, si contattano persone ma è così difficile trovare loro un'occupazione!

Un altro tipo di "povertà" a cui dobbiamo far fronte, è la solitudine. Tra le persone che assistiamo alcune vivono sole e non godono per giunta di buona salute. E' questa forse la condizione più delicata e per la quale cerchiamo di riservare un'attenzione particolare. Anche se a volte basta trovare un po' di tempo per una telefonata, per un breve saluto, per sbrigare una commissione, per dir loro: "Come va? Hai bisogno di me?",a renderle felici e a farle sentire meno sole. Indispensabili sono però anche qui i contatti con le istituzioni ed i centri assistenziali. A questo proposito visti i molti casi di persone con problemi di depressione, all'interno della Conferenza si è formato un gruppo di consorelle che li seguono, mediante incontri periodici, in collaborazione con il Dipartimento di salute mentale della ASL 2.

C'è poi l'Ascolto Caritas che accoglie altri fratelli più deboli. Tutti i venerdì 20 persone, alcune senza fissa dimora, altre senza affetti, trovano nei confratelli impegnati in questo servizio parole di conforto, disponibilità all'ascolto, attenzione ed anche un pacco viveri.

La Conferenza di San Vincenzo vorrebbe essere la mano operante della comunità nella carità verso i fratelli nel bisogno. Questo grazie alla totale gratuità dell'impegno dei confratelli ed alla loro disponibilità nel servizio, all'apporto del Banco Alimentare che mensilmente fornisce i prodotti commestibili ma soprattutto grazie ai vari contributi che ci pervengono dalla generosità dei parrocchiani sia con consistenti offerte e sia con la puntuale risposta ai nostri appelli alle porte della Chiesa durante la settimana della solidarietà e della giornata dell'ulivo della domenica delle Palme

Referente: Achille Bortolan

Bilancio 2014